Domande e risposte in materia ambiente (partial)

Riciclo e RAEE

HP fornisce servizi di recupero dei prodotti?

Si. HP ha attivato programmi di riciclo per materiali di consumo per stampanti e apparecchiature informatiche. Per ulteriori informazioni, visita la sezione Riciclo dei prodotti.

Quali tipi di apparecchiature informatiche vengono recuperati da HP?

Il servizio di recupero HP accetta qualsiasi apparecchiatura informatica o periferica HP o non HP utilizzata per uso privato o professionale, inclusi scanner, stampanti, apparecchi fax, personal computer, server desktop, monitor e palmari, nonché i componenti esterni associati quali cavi, mouse e tastiere. Vengono accettate anche apparecchiature di dimensioni più grandi mediante un'apposita procedura di ordine personalizzata.

HP ritira solo apparecchiature informatiche. Non accetta altri tipi di apparecchiature elettroniche commerciali, ad esempio videoregistratori, DVD e televisori, né monitor con il vetro rotto. Per ulteriori informazioni sul riciclo delle apparecchiature informatiche, visita la pagina Riciclo dei prodotti.

Come si fa a restituire una cartuccia per stampanti a getto d'inchiostro o un toner LaserJet?

Per scoprire come restituire le cartucce esauste visita la pagina Riciclo dei prodotti e seleziona la scelta più idonea alla tua esigenza. HP è in grado di riciclare solo cartucce di stampa HP originali. I processi di riciclo HP sono stati infatti studiati per cartucce vuote originali e non sono in grado di gestire materiali di altri produttori.

E´ possibile restituire cartucce per stampanti a getto d'inchiostro non HP?

No. Il processo di riciclo esclusivo di HP, molto sensibile alla contaminazione dei materiali, non consente di recuperare e riciclare cartucce di altri produttori.

Esistono prodotti che HP non accetta nell'ambito del programma di riciclo delle cartucce per stampanti LaserJet o a getto d'inchiostro?

Nell'ambito del programma di riciclo Planet Partner Program, HP non accetta né cartucce di stampa di altri produttori, né cartucce ricaricate o rigenerate. I materiali di consumo HP elencati costituiscono un'eccezione e non possono essere riciclati.

Cos'è la direttiva RAEE?

La direttiva RAEE e la sua revisione, la Direttiva “RAEE2” sono normative che disciplinano la responsabilità dei produttori obbligando questi ultimi, inclusa HP, a recuperare e riciclare i loro prodotti alla fine del ciclo di vita. Gli obiettivi principali di questa normativa sono ridurre la quantità di rifiuti elettronici da conferire in discarica e incentivare i produttori a generare una minore quantità di rifiuti soprattutto con i loro prodotti. Per maggiori informazioni visitate la pagina dedicata al riciclo HP.

Quali strumenti adotta HP per conformarsi alla direttiva RAEE?

HP si adegua a tutti i requisiti di legge derivanti dal recepimento della direttiva RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) e sue successive versioni e nelle legislazioni degli Stati membri, registrandosi presso le autorità nazionali in tutti i Paesi e/o le regioni pertinenti. Le scadenze per la registrazione e alcune regole operative variano da Paese a Paese. HP assicura inoltre che tutte le informazioni necessarie per il calcolo dei propri oneri di produttore vengano fornite a partire dalla data o dalle date specificate nelle leggi nazionali e/o regionali.

Gli obblighi a carico dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche, tra cui HP, sono molteplici. Per una descrizione dettagliata dell'approccio adottato dall'azienda per adempiere a ciascuno di questi obblighi, consultare la Dichiarazione di conformità alla direttiva RAEE di HP.

HP soddisfa i requisiti di conformità alle attuali norme vigenti in Italia per la gestione dei rifiuti?

Si. HP è conforme a tutta la normativa Italiana attualmente in vigore. In particolare HP è iscritta al Registro Produttori AEE, al Registro Produttori Pile e Accumulatori e al consorzio nazionale per gli imballaggi.

Quali sono i risultati raggiunti da HP nel riciclo di apparecchiature elettroniche?

HP ha raggiunto 1.265 milioni di tonnellate di apparecchiature elettroniche riciclate dal 1987 e intende incrementare gli sforzi per raggiungere 1.6 milioni di tonnellate riciclate entro il 2015. Quest’obiettivo, che riguarda specificamente le attività di riciclo, non include i milioni di prodotti usati che vengono ricondizionati, riutilizzati, donati o rivenduti da HP. HP intende conseguire il nuovo obiettivo di riciclo a livello globale allargando l'iniziativa Planet Partners, già operativa in oltre 70 Paesi, ad altri clienti e offrendo modalità più vantaggiose per il ritiro e il riciclo di apparecchiature elettroniche.

HP si occupa anche del riuso dei propri prodotti?

Si. HP inoltre si è posta l’obiettivo di riutilizzare 40 milioni di apparecchi hardware entro il 2015 (totale dal 2003). Nel 2013 HP ha riutilizzato 3,7 milioni di apparecchi hardware, raggiungendo un totale di 34,7 milioni di apparecchiature riutilizzate dal 2003.

Per maggiori informazioni sugli obiettivi e i risultati di HP visitate le pagine dedicate a Data and Goals HP.

Il programma di riciclo HP è disponibile in tutti i Paesi?

HP intende riciclare materiali di consumo per stampanti e apparecchiature informatiche in tutto il mondo. Attualmente i programmi di riciclo sono disponibili nella maggior parte dei Paesi europei, negli Stati Uniti, in Canada e in alcuni Paesi dell'America Latina, dell’Africa e dell'area Asia Pacifico, come risulta dall'elenco visualizzato alla pagina Riciclo dei prodotti. HP è in procinto di estendere l'attivazione del programma ad altri Paesi. Se pertanto il tuo Paese non è incluso nell'elenco, controlla di nuovo in futuro o contatta l'ufficio vendite HP più vicino per sapere quando verrà attivato il programma di riciclo desiderato.

Prodotti

HP ha attivato un programma di gestione responsabile dei prodotti?

Sì. HP ha attivato un ampio programma per la gestione responsabile dei prodotti promuovendo in modo convinto un approccio ecocompatibile alla progettazione. Per ulteriori informazioni, visita la pagina relativa al programma Design-for-Environment.

Come si fa a procurarsi le schede di sicurezza dei prodotti (MSDS, Material Safety Data Sheets)?

Le schede di sicurezza dei prodotti (MSDS) sono disponibili qui.

Come si fa a procurarsi le informazioni ambientali (scheda tecnica) relative a un prodotto specifico?

Molti prodotti HP includono un profilo ambientale e una IT Eco Declaration, in cui vengono fornite le informazioni ambientali specifiche del prodotto.

I prodotti HP sono certificati ENERGY STAR®?

Molti prodotti HP sono certificati ENERGY STAR®. Per visualizzare un elenco dei prodotti con certificazione ENERGY STAR®, visita la pagina relativa alle etichette ecologiche.

ENERGY STAR® è un programma facoltativo dedicato all'efficienza energetica, sponsorizzato dalla Environmental Protection Agency, l'organismo statunitense per la protezione ambientale.

Come si fa a smaltire le batterie di un portatile?

Per eliminare una batteria, contattare il servizio di smaltimento dei rifiuti locale per informazioni sulle limitazioni relative allo smaltimento o al riciclo delle batterie.

Le stampanti HP generano emissioni di sostanze chimiche?

Durante la fase di sviluppo tutte le piattaforme di stampa HP LaserJet e a getto d'inchiostro vengono testate per determinare le relative emissioni in atmosfera. Le concentrazioni di ozono, composti organici volatili e polveri che si prevede che vengano generate nelle condizioni d'uso attese risultano ben al di sotto degli standard indicati a livello mondiale per la salute nei luoghi di lavoro, nonché al di sotto dei limiti previsti dalle severe linee guida per la qualità dell'aria in ambienti chiusi. Molte delle stampati HP hanno ottenuto il riconoscimento di prodotti "a basse emissioni" in base al sistema di etichettatura ecologica tedesco Blue Angel e a quello americano GREENGUARD.

Una buona pratica per mantenere l'ambiente di lavoro sano e confortevole è quella di installare i sistemi di stampa in aree ben ventilate. Inoltre, è importante scegliere supporti di stampa (fogli), toner e inchiostri specificamente raccomandati per il dispositivo utilizzato (consultare il manuale dell'utente).

I prodotti HP contengono CFC (clorofluorocarburi)?

No. Nei prodotti HP e nei processi di produzione di HP e dei suoi fornitori non vengono utilizzati CFC.

HP è impegnata a eliminare il piombo dai propri prodotti?

HP è impegnata a conformarsi a tutte le leggi e le normative vigenti, incluse quelle che prevedono la riduzione dell'uso di sostanze pericolose nei prodotti elettronici. La direttiva RoHS (Restriction of Hazardous Substances, Riduzione dell'uso di sostanze pericolose) dell'Unione Europea specifica che prodotti o componenti elettronici non possono contenere piombo, tranne i casi specificamente previsti dalla direttiva.

Tutti i prodotti HP che rientrano nell'ambito di applicazione della direttiva RoHS (Restriction of Hazardous Substances, Riduzione dell'uso di sostanze pericolose) dell'Unione Europea (nota anche come RoHS 1) sono pienamente conformi ai requisiti attualmente vigenti. La direttiva limita l'uso di piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente e delle sostanze ignifughe PBB e PBDE. HP è impegnata a conformarsi a tutte le leggi e le normative vigenti, che includono la revisione della direttiva europea RoHS (RoHS 2), la direttiva RoHS turca, la direttiva RoHS 2 cinese e tutte le altre disposizioni che prevedono analoghe limitazioni.

HP è stata una delle prime aziende al mondo ad essersi posta e ad aver raggiunto volontariamente l'obiettivo di conformarsi alle limitazioni previste dalla direttiva RoHS della UE. HP promuove l'armonizzazione delle limitazioni nell'uso di materiali tra i diversi Paesi, poiché ritiene che questo consenta un più rapido raggiungimento dei benefici ambientali desiderati.

Dichiarazione di conformità di HP alla Direttiva RoHSPDF, 121KB

Cos'è la normativa REACH (Registration, Evaluation, Authorisation, and Restriction of Chemicals) dell'Unione Europea? Come influisce su HP?

L'acronimo REACH indica una nuova normativa dell'Unione Europea sulle sostanze chimiche, entrata in vigore il 1° giugno 2007 e con scadenze scaglionate fino al 2018. Lo scopo del sistema REACH è migliorare la protezione della salute delle persone e dell'ambiente, nonché aumentare la competitività del settore chimico europeo. REACH conferisce una maggiore responsabilità alle aziende del settore, che devono valutare le proprietà delle sostanze chimiche, gestire i rischi per la salute e l'ambiente e informare i fornitori e gli utenti.

HP supporta l'obiettivo generale del sistema REACH di migliorare la protezione della salute delle persone e dell'ambiente. La politica di HP è da tempo quella di offrire prodotti e servizi sicuri e compatibili con l'ambiente durante l'intero ciclo di vita. HP intende adeguarsi a tutti i requisiti REACH e si impegna a fornire ai propri clienti le informazioni relative alle sostanze chimiche presenti nei prodotti come richiesto per la conformità REACH.

Dichiarazione di conformità al regolamento REACHPDF, 73KB

Sistemi di gestione

HP attua politiche di tutela dell'ambiente, della salute e della sicurezza

Sì. HP è impegnata a fornire prodotti e servizi compatibili con l'ambiente durante l'intero ciclo di vita, a svolgere le proprie attività secondo principi di responsabilità ambientale e a definire pratiche a tutela della salute dei dipendenti e per la sicurezza degli ambienti di lavoro. Per ulteriori informazioni, visita la pagina relativa alle politiche di tutela dell'ambiente, della salute e della sicurezza di HP.

In che modo opera HP per ridurre l'impatto ambientale delle proprie attività aziendali?

HP progetta prodotti sicuri da usare e compatibili con l'ambiente. Il programma Design-for-Environment attivato da HP a livello aziendale fornisce linee guida per ridurre l'impatto ambientale dei prodotti. HP intraprende inoltre azioni volte a minimizzare l'impatto ambientale mediante la riduzione degli scarti di produzione, l'eliminazione o la diminuzione dell'uso di sostanze chimiche e il risparmio di risorse quali l'energia e l'acqua. Per ulteriori informazioni, consulta il Global Citizenship Report HP.

HP è tenuta a dichiarare le prestazioni ottenute dal punto di vista ambientale?

Oltre a presentare tutti i report richiesti per legge, HP effettua il monitoraggio di diversi indicatori di prestazioni ambientali relativi alle attività, ai fornitori e ai prodotti. Per un riepilogo, consulta il Global Citizenship Report HP.

HP definisce gli obiettivi e le finalità delle proprie attività produttive?

Sì. HP definisce gli obiettivi e dichiara i risultati delle prestazioni relativi ai principali aspetti ambientali delle attività svolte. Per ulteriori informazioni, consulta il Global Citizenship Report HP.

Cos'è lo standard ISO 14001?

ISO 14001 è uno standard internazionale di carattere volontario che definisce gli elementi di un sistema di gestione ambientale (EMS, Environmental Management System) necessari a un'organizzazione per gestire efficacemente l'impatto delle proprie attività sull'ambiente. Introdotto nel 1996 dalla International Organisation for Standardisation (ISO) in collaborazione con organizzazioni di settore, governi e organizzazioni non governative, lo standard ISO 14001 si propone di integrare il sistema EMS nelle pratiche di gestione aziendale.

Qual è la posizione di HP in relazione ai sistemi di gestione ambientale, ad esempio ISO 14001?

HP è una delle prime imprese globali ad aver ottenuto la certificazione aziendale ISO 14001 per le operazioni di produzione a livello mondiale. Questa certificazione attesta che le politiche, le procedure e l'organizzazione di HP per la gestione degli aspetti ambientali delle operazioni di produzione in tutto il mondo sono conformi ai requisiti previsti dallo standard ISO 14001. Per ulteriori informazioni, visita la pagina relativa al sistema di gestione ambientale (EMS).

HP utilizza sostanze in grado di distruggere la barriera di ozono?

HP ha eliminato da tutti i processi di produzione l'uso di clorofluorocarburi (CFC), HBFC, halon, 1,1,1-tricloroetano (TCA), tetracloruro di carbonio e bromuro di metile. HP chiede ai fornitori di non utilizzare queste sostanze chimiche nei processi di produzione.

Alcune sostanze in grado di distruggere la barriera di ozono (ODS, Ozone Depleting Substances) vengono utilizzate nei sistemi di condizionamento dell'aria e negli estintori a base di halon, ma HP sta provvedendo a sostituirle con sostanze più sicure.

HP ha intrapreso azioni per contrastare il cambiamento climatico?

Sì. HP si impegna attivamente a contrastare il cambiamento climatico migliorando il livello di efficienza delle operazioni e dei prodotti.

Il cambiamento climatico è una problematica globale che deve essere affrontata in modo collaborativo da aziende, governi e cittadini. HP misura l'impatto delle proprie attività sul clima e adotta diverse strategie per ridurre tale impatto.

HP partecipa alle attività di varie organizzazioni operanti a livello locale e globale che promuovono politiche e programmi di contrasto al cambiamento climatico. Ogni anno HP dichiara le emissioni prodotte al Global Greenhouse Gas Registry del Forum economico mondiale.

Per ulteriori informazioni, visita la pagina relativa al cambiamento climatico.

Supply chain

In cosa consiste il programma di responsabilità sociale e ambientale di HP per la supply chain?

Con l'esternalizzazione di un numero sempre maggiore di processi di produzione, HP si è impegnata a sviluppare, monitorare e seguire le pratiche attuate dai fornitori di materiali in modo da adeguarle agli obiettivi sociali e ambientali di HP. Dopo un'ampia valutazione del settore IT e di altri settori di attività, HP ha elaborato un programma in quattro parti suddiviso in un piano di azione, standard e aspettative, processi di monitoraggio della conformità e processi di reporting.

Per ulteriori informazioni, consultare il programma di controllo della supply chain di HP.

Quali sono le aspettative di HP nei confronti dei fornitori in termini di responsabilità sociale e ambientale?

Per assicurare un ridotto impatto sociale e ambientale delle pratiche attuate dalla supply chain a livello mondiale, HP:

  • ha implementato una politica sociale e ambientale per la supply chain;
  • ha adottato l'uso del nuovo codice di condotta per il settore elettronico, in cui sono formalizzate le aspettative di HP in termini di condizioni di lavoro dei fornitori, rispetto dei diritti umani, tutela della salute e della sicurezza, rispetto degli standard ambientali ed etici;
  • ha ribadito l'importanza del requisito di conformità alle limitazioni relative al contenuto dei prodotti indicate nel General Specification for the Environment (GSE) di HP;
  • ha rafforzato il contratto con i fornitori e gli accordi di acquisto includendo le nuove aspettative;
  • ha annunciato l'introduzione del processo di monitoraggio della conformità ai criteri di responsabilità sociale e ambientale (SER);
  • ha avviato procedure di auditing presso gli stabilimenti dei fornitori;
  • ha definito i requisiti per il reporting delle prestazioni dei fornitori e ha stabilito le azioni correttive da intraprendere in caso di non conformità;
  • ha aggiunto i risultati delle prestazioni relativi alla conformità SER della supply chain nel Global Citizenship Report annuale HP.

Nell'ambito della scelta e del mantenimento di fornitori qualificati, HP accorderà la preferenza a coloro che soddisfano o superano le aspettative definite. Per ulteriori informazioni, visita la pagina relativa a politiche e standard della supply chain.

In che modo vengono applicate le linee guida sociali e ambientali per i fornitori?

Le linee guida dei fornitori HP relative alle condizioni di lavoro, alla salute e alla sicurezza sul luogo di lavoro e alla tutela ambientale sono parte sostanziale delle politiche di approvvigionamento di HP. HP valuta e orienta le prestazioni dei fornitori attraverso l'uso di clausole specifiche incluse nei termini e nelle condizioni di acquisto e negli accordi di acquisto dei prodotti. Inoltre, HP richiede a ogni fornitore di materiali di sottoscrivere un accordo sulla responsabilità sociale e ambientale (Supplier Social and Environmental Responsibility Agreement); di aderire al Codice di condotta per il settore elettronico (EICC) e alla General Specification for the Environment (GSE); di completare questionari specifici relativi ai diritti umani e alle condizioni di lavoro, alla tutela della salute e della sicurezza, alla salvaguardia dell'ambiente e dei principi etici; di partecipare a un processo di controllo formale (inclusi audit SER interni) e di fornire ad HP i corrispondenti report con cadenza annuale. Oltre ad accordare la preferenza ai fornitori che contrastano efficacemente i problemi derivanti dall'impatto sociale e ambientale delle loro attività, HP si occupa di prendere in esame le pratiche che dovessero risultare discutibili e di adottare le eventuali misure correttive necessarie.
Per ulteriori informazioni, visita la sezione relativa alla conformità della supply chain.

HP è tenuta a dichiarare le prestazioni ottenute dalla supply chain dal punto di visita sociale e ambientale?

Sì. Lo stato di avanzamento del programma, implementato nel novembre 2002, i risultati ottenuti e gli obiettivi raggiunti vengono dichiarati ogni anno nel Global Citizenship Report HP. I dettagli sono inclusi nei risultati della supply chain.

Per ulteriori domande frequenti (FAQ) sul programma relativo alla responsabilità sociale e ambientale della supply chain HP, visita la sezione relativa alle FAQ sulla supply chain.